Asta di Autografi Antichi, Futurismo e '900

Asta n° 11 di Autografi Antichi, Futurismo e del '900

Partecipa alla nuova asta di Autografi Antichi, Futurismo e '900 selezionati per te dai nostri esperti, incredibili rarità ti attendono.

Tutti i lotti sono garantiti dall’Associazione Autografia, che li ha corredati del prestigioso COA R rilasciato su carta pregiata per ogni acquisto

L’asta aprirà alle offerte alle ore 12:00 del 4 Marzo 2022 e terminerà dalle ore 20:00 del giorno 11 Marzo 2022.


SEZIONE I - Autografi Antichi - '900
Lotti: 97

LOTTO 201

Autografo di Gabriele D'Annunzio Fotografia con Dedica a Lanciere Bianco

Consulta la scheda completa

Stima: 600 - 800€

Descrizione:

Fotografia con dedica interamente autografa e firmata da Gabriele D'Annunzio indirizzata a Achille de Tomasi. 

Cartoncino con dedica autografa firmata da D'Annunzio ed indirizzata a: "Ad Achille de Tomasi il lanciere bianco e il monaco bigio". Non presente una datazione ma databile tra il 1925 ed il 1935. 

Gabriele D'Annunzio, molto legato al reggimento durante il conflitto, vestì le insegne dei Bianchi Lancieri portò a termine il Volo su Vienna e finita la guerra l'Impresa di Fiume. 

La fotografia iconica, raffigurante D'Annunzio, riporta la firma autografa del fotografo Giovanni Cividini.  

L'autografo di Gabriele D'Annunzio riporta una "G" alquanto singolare ma riconducibile senza alcun dubbio alla sua mano in quanto collazionata con l'esemplare pubblicato all'interno del volume: "Il cinquantennio editoriale di Arnoldo Mondadori" a pagina 129. La lettera presa a campione è indirizzata ad Arnoldo Mondadori nel 1927. 

Condizioni: presente un antico restauro sul retro che non compromette l'integrità dell'autografo. 

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 202

Autografo di Gabriele D'Annunzio Sistemazione Marchese Clemente Origo

Consulta la scheda completa

Stima: 500 - 700€

Descrizione:

Lettera interamente autografa e firmata dal celebre poeta Gabriele D'Annunzio, redatta su carta intestata "Per non Dormire". 

All'interno della missiva il Vate annuncia ad una signora non ben specificata (molto probabilmente trattasi della proprietaria dell'albergo o della residenza presso la quale d'Annunzio soggiornava a Parigi) che il Marchese Clemente Origo -citato nel testo- sarebbe arrivato la mattina seguente alle 9 e quindi di preparargli una "bella camera".

Lettera non datata; presente il giorno della settimana sotto alla firma (Samedi).


Lettera di particolare interesse in quanto il Vate appone solamente il suo cognome, come a voler rimarcare il tono reverenziale della missiva

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 203

Autografo di Roberto Bracco Sceneggiatura Inedita Napoli - New York

Consulta la scheda completa

Stima: 400 - 600€

Descrizione:

 Manoscritto interamente autografo e firmato dal celebre scrittore napoletano Roberto Bracco redatto su 20 pagine dal titolo "Napoli - New York" senza datazione ma databile tra il 1915 e il 1920. All'interno della sceneggiatura viene descritta la nuova vita di Tonino Marulli "un bel giovanotto napoletano: smilzo, grazioso, viso interessante, occhi tra il grigio e verde, umidi molli traslucidi". 

Il protagonista, a causa di alcuni debiti, decide di emigrare in America alla ricerca di fortuna e, non essendo interessato a lavori di fatica, cerca di approfittarsi della sua "neapolitan's attraction" sbarcando il lunario grazie alle sue doti canore. Viene poi sviluppata la storia accanto alla figura di Jackline che lo accompagnerà in tutte le sue peripezie. 

Il soggetto raccontato è nel classico stile tragicomico di Roberto Bracco che lo contraddistingue nella sua produzione letteraria. 

Presente inoltre la sceneggiatura dattiloscritta del film "Napoli - New York" composta da 6 pagine con sporadiche correzioni. 

A seguito di numerose ricerche non è stata trovata alcuna corrispondenza e possiamo ragionevolmente affermare che la suddetta sceneggiatura sia inedita.  


Condizioni: il manoscritto riporta una piccola mancanza al margine sinistro centrale della prima pagina ed alcuni fori nelle pagine seguenti che non compromettono la consultazione. Le ultime due carte riportano alcune mancanze al margine sinistro. 

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 204

Autografo di Salvatore Di Giacomo Lettera a Peppino Tancredi Sorrento

Consulta la scheda completa

Stima: 250 - 300€

Descrizione:

Lettera interamente autografa del celebre poeta Salvatore Di Giacomo inviata all'amico Dott. Peppino Tancredi, da lui scherzosamente appellato "Don Peppiniello". 

Lettera redatta a Sorrento, il 16 Settembre 1924 su carta intestata de "Hotel Tramontano di Sorrento" e con busta viaggiata. 

All'interno della lettera il poeta si rallegra che l'amico abbia apprezzato il suo ritratto dove "pare che sia contento della vita" e lo prega di appenderlo e di guardarlo nei momenti più difficili affinché esso gli parli del suo sincero affetto. 

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 205

Autografo di Olga Konstantinova Romanova Regina Grecia Lettera Esilio a Roma

Consulta la scheda completa

Stima: 250 - 350€

Descrizione:

Lettera interamente autografa della Regina della Grecia Olga Konstantinova Romanova, redatta durante il suo periodo di esilio in Italia (Residenza privata in Roma) a seguito dello scoppio della Prima Guerra Mondiale e della morte del marito.

All'interno della lettera la Regina comunica alla Duchessa Milena Vitali di Torregrossa il suo gradimento per i voti augurali.

La lettera è particolarmente rara in quanto risulta difficilmente reperibile sul mercato una lettera in italiano.


SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!

Prezzo di partenza:

€ 100,00


LOTTO 206

Autografo di Maria Josè del Belgio Moglie Umberto II di Savoia Calendario 1939 con Fotografia da Piccola

Consulta la scheda completa

Stima: 150 - 200€

Descrizione:

Dedica e firma autografe di Maria Josè del Belgio Savoia, ultima Regina consorte d'Italia prima della proclamazione della Repubblica. Maria Josè, la "Regina di Maggio", fu informata del suo nuovo ruolo mentre tornava da Cassino da una visita in qualità di Ispettrice del Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa e non manifestò alcun entusiasmo alla notizia. E' nota la sua avversione al regime fascista che contestò in ogni modo a lei possibile, considerando il suo ruolo, frequentando personalità e personaggi invisi a Mussolini il quale peraltro non la amava e, volendo essere informato di ogni sua mossa, affidò la sua sorveglianza al capo della Polizia Arturo Bocchini.

La dedica è scritta sul cartoncino sul quale è applicato un piccolo calendario dell'anno 1939 (anno 17° dell'Era Fascista) con la fotografia della prima figlia dei Principi di Piemonte, la Principessa Maria Pia nata nel '34. La foto, in bianco e nero, ritrae la Principessa bambina mentre accarezza un cane su un prato. Sullo sfondo si può vedere la rovina di un'abbazia. La foto, le cui dimensioni sono 9,7 x 8,2 cm è listata di blu e sormontata da un fiocco di stoffa blu anch'esso. Al di sotto è stampata la corona dei Principi di Piemonte in blu con un cartiglio ed un nodo Savoia.

Le paginette del calendario, quadrato di 4,9 x 4,9 cm, sono cucite insieme con un filo bianco. I mesi sono tutti presenti. La prima pagina presenta una cornice con un putto ed un augurio "1939 Tutti Giorni Felici" e, come i fogli dei mesi, presenta una tratteggiatura per facilitarne lo strappo. Il nastro blu che sormonta la fotografia forma in realtà un'asola per poter appendere il calendario ad un chiodo.

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 207

Autografo di Umberto II di Savoia Liber Amicorum Istituto Zootecnico

Consulta la scheda completa

Stima: 250 - 300€

Descrizione:

Liber Amicorum dell'Istituto Zootecnico e Caseario per il Piemonte.

All'interno del volume, rilegato in preziosa pelle rossa e impressioni in oro sui piatti e con taglio oro, sono presenti numerose firme celebri, la più importante è quella di Umberto II di Savoia in qualità di Principe. 

Il frontespizio del volume è stato finemente manoscritto e disegnato con la data di inaugurazione: Torino 26 Ottobre 1931. 

Le altre firme sono: Giacomo Acerbo - economista e politico, Carlo Tiengo, Cesare Giovara e Vincenzo Ciotola - prefetti di Torino; Giuseppe Tassinari - agronomo e politico.

A rendere davvero unico il volume autografo è la presenza della fotografia che raffigura Umberto II di Savoia mentre firma il suddetto volume. 

Nella fotografia sono presenti il Sig. Acerbo e il Sig. Giovara di fianco a Umberto II di Savoia. 

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 208

Autografo di Alessandrina Ravizza Movimento Femminista Lettera Disoccupazione Casa di Lavoro

Consulta la scheda completa

Stima: 100 - 150€

Descrizione:

Lettera dattiloscritta con doppia firma di Alessandrina Ravizza famosa filantropa italiana, emancipazionista, anticipatrice dei movimenti femministi che istituì l’Università Popolare e fondò la Casa di Lavoro per disoccupati.


All'interno della lettera la Ravizza informa il destinatario che la situazione lavorativa sono gravi. La Casa di Lavoro, offre al disoccupato il lavoro invece dell'elemosina con un progresso educativo e chiede di compiere un atto di solidarietà fraterna nel concorrere alla buona riuscita dell'impresa. 

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 209

Autografo di Don Lorenzo Perosi Appunto con Rigo Musicale

Consulta la scheda completa

Stima: 150 - 200€

Descrizione:

Appunto interamente autografo e firmato da Don Lorenzo Perosi, presbitero e compositore. Don Perosi fu un autore piuttosto prolifico e molto apprezzato di musica sacra, liturgica e anche musica da camera. 

L'appunto riporta un pentagramma con chiavi, note e parole, parte del componimento "La Risurrezione di Cristo" del 1898, con le parole "Mulier, quid ploras" e la firma del compositore in basso, in calce.

La nota è redatta su carta di colore giallo scuro, ulteriormente scurita dal tempo.

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 210

Autografo di Guglielmo Pecori-Giraldi Fotografia con Dedica Ing. Conti

Consulta la scheda completa

Stima: 80 - 100€

Descrizione:

Fotografia con dedica interamente autografa e firmata di Guglielmo Pecori-Giraldi indirizzata al Sig. Ingegnere Giovanni Conti. 

Dedica datata Firenze, 16 Marzo 1938 XVI. 

Fotografia, montata su passepartout in tela, che raffigura il generale e politico in alta uniforme. 

Guglielmo Pecori-Giraldi nel 1919 venne nominato Senatore del Regno, nel 1923 fu eletto vice presidente del consiglio dell’Esercito e nel giugno 1926 fu nominato da Mussolini Maresciallo d'Italia.  


SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 211

Autografo di Alberto da Zara Fotografia e Mappa Battaglia di Pantelleria

Consulta la scheda completa

Stima: 200 - 250€

Descrizione:

Fotografia in bianco e nero con firma autografa di Alberto da Zara, ammiraglio della Regia Marina Italiana. L'ufficiale fu al comando della 7° Divisione Navale che fu protagonista della Battaglia di Pantelleria, il 15 Giugno del 1942. Una curiosità: Da Zara non si sposò mai, tuttavia le sue frequentazioni mondane gli fecero guadagnare la fama di Latin Lover; durante un suo distaccamento in Cina pare che tra le sue frequentazioni ci sia stata la Signora Wallis Simpson.

La foto ritrae l'Ammiraglio in divisa, mentre esegue un saluto militare  durante una parata. La firma è datata 24 Giugno, non è specificato l'anno.

Insieme alla fotografia, è presente un foglio sul quale è disegnata la mappa delle azioni della Battaglia di Pantelleria del 15 Giugno 1942. Il foglio, le cui dimensioni sono 60 x 75, di cartoncino piuttosto spesso, è piegato in quattro. La scala del disegno, è 1:200.000 e le varie azioni e gli schieramenti sono disegnati in colori diversi per meglio comprendere lo schema, gli avvenimenti e i tempi della battaglia.

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 212

Autografo di Carlo Margottini R.C.T. Artigliere Battaglia Capo Stilo

Consulta la scheda completa

Stima: 200 - 250€

Descrizione:

Autografo di Carlo Margottini, militare italiano. Egli fu un ufficiale della Regia Marina durante la Prima e la Seconda Guerra Mondiale e perse la vita sul Cacciatorpediniere Artigliere nell'Ottobre del 1940 durante uno scontro con l'incrociatore leggero britannico Ajax. A Margottini che pur ferito  gravemente rimase in plancia ad incitare i suoi nella battaglia, fu assegnata la Medaglia d'oro al valore militare alla memoria.

L'opuscolo, celebrativo della Battaglia di Capo Stilo sull' R.C.T. Artigliere è formato da otto pagine di cartoncino rigido, non fissate tra di loro con punti, con riepiloghi delle azioni tratti dal rapporto ufficiale con la relativa mappa e valutazioni dei vari ufficiali e comandanti di squadriglia, divisione, squadra, comandante in capo e discorso celebrativo di Mussolini nell'ultima pagina. Il libretto è rilegato con un cordino intrecciato di colore blu, con una medaglietta di metallo sulle cui facce sono incisi il profilo del R.C.T. Artigliere e sull'altro lato una corona, una fiamma e due cannoni incrociati.

La prima pagina presenta l'intestazione R.C.T. Artigliere al centro di un riquadro; al di sotto c'è una riga con il destinatario dell'omaggio: Al Tenente di Vascello Romolo ... destinato durante la battaglia navale di Punta Stilo al Ufficiale di Rotta - Il Capitano di Vascello - Comandante. La firma appare al di sotto di tale scritta. La prima pagina presenta diverse macchie circolari come fondi di bicchiere, risulta abbastanza scurita dal tempo e le scritte a penna sono poco visibili. All'interno non sono presenti macchie.

Sono presenti anche sette cartoline illustrate di alcune battaglie navali sostenute dai sommergibili della Regia Marina quali Perla, Malaspina, Enrico Toti, Pier Capponi, Cappellini, Torelli e Dagabur dei quali sono nominati i relativi comandanti e azioni ritratte.

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!

Prezzo di partenza:

€ 70,00


LOTTO 213

Carteggio di Arturo Ferrarin Aviatore Osaka Roma - Tokyo Amerigo Manzini

Consulta la scheda completa

Stima: 350 - 450€

Descrizione:

Carteggio relativo alle ricerche storiche e biografiche dell'aviatore Arturo Ferrarin, in particolare sui voli Roma - Brasile e Roma - Tokyo.

Il materiale è stato raccolto interamente da Amerigo Manzini Maggiore dell'Arma Aeronautica Ruolo Servizi divenuto poi un celebre scrittore, che a partire dagli anni venti pubblicò novelle come: Ucciditi per me! e Le cocottes e il signor Fu, e profili biografici su Ruggero Ruggeri, Emma Gramatica, Gemma Vercelli e Arturo Ferrarin.  

L'importante documentazione racchiude le testimonianze di personaggi vicini all'aviatore tragicamente scomparso ed è databile 1970-1971. 

Di seguito il dettaglio:

- Raccolta di pubblicazioni, ciclostili, fotocopie e articoli di giornale inerenti alla figura di Arturo Ferrarin, Carlo Del Prete ed i viaggi da loro compiuti. 

- Corrispondenza varia in risposta alle informazioni richieste dal Manzini circa l'aviatore; tra questi è presente una cartolina dello scrittore e Col. Corrado Bartolomasi, una lettera dello Stato Maggiore dell'Aeronautica - 5° Reparto e una lettera delle edizione S.C.O.T. Torino. 

- Lettera interamente autografa inviata ad Amerigo Manzini dalla moglie Adelaide Castiglioni in Ferrarin figlia del famoso imprenditore milanese Emenegildo Castiglioni, all'interno della missiva vengono comunicate informazioni personali di Arturo Ferrarin e dei suoi viaggi. La lettera si conclude con una promessa circa l'appuntamento per la consegna delle fotografie originali del marito. Lettera datata 4 Gennaio 1971. 

- N° 3 Lettere con autografo dell'ingegnere Piero Magni su carta intestata del celebre Archivio Magni. All'interno della corrispondenza il Magni invia alcune riproduzioni fotografiche (presenti) afferenti ai viaggi di Arturo Ferrarin. Nelle 14 fotografie, replicate successivamente dagli originali, sono immortalati alcuni tra i più importanti avvenimenti del viaggio Roma - Tokyo, come ad esempio il Savoia Marchetti impiegato per il suddetto volo. 

 - Lettera interamente autografa listata a lutto del fratello Ferruccio Ferrarin datata 28 Luglio 1941 e redatta a pochi giorni dalla morte del fratello Arturo. Il contenuto è straziante e racconta tutta la vicinanza dei due fratelli anche dopo il lutto. 

- Dattiloscritto con correzioni autografe di Amerigo Manzini dal titolo: "Osaka - 1920 Roma = Tokyo 1970 - Come un romanzo salgariano il raid di Arturo Ferrarin". 
Lo scritto è da considerarsi una prima bozza dell'articolo redatto a seguito della raccolta del materiale. Pagine: 8.

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 214

Autografo di Gaetano Salvemini Giornale "Secolo" Collaborazione Ardengo Soffici

Consulta la scheda completa

Stima: 250 - 350€

Descrizione:

Interessante lettera interamente autografa e firmata di Gaetano Salvemini, storico e uomo politico antifascista, professore presso le Università di Pisa e Firenze, autore del volume "Il ministro della mala vita", edito nel 1910 a seguito dello scandalo finanziario della Banca Romana, tra i fondatori del movimento Giustizia e Libertà durante l'esilio a Parigi, nella quale comunica alla destinataria Signora Anna di accettare "volentieri" di collaborare al nuovo giornale "Secolo". 

Lettera redatta a Firenze, il 12 Novembre 1909.

"Quando avrò qualcosa d'interessante da dire, metterò nella carta e invierò...". Fornendo inoltre alcuni nominativi da tenere in considerazione come collaboratori per il citato giornale. "L'Ambrosini (Torino, Corso Vinzaglio 57) sarebbe un ottimo redattore letterario, e anche il Prezzolini ha grande opinione di lui. Sarebbe un prezioso acquisto. Ma non sappiamo se accetterà. Egli non ha ancora idee politiche determinate: caso mai, tenderebbe ad essere conservatore, poiché viene da famiglia clerico-moderata. Ad ogni modo possono provare (...)". "Non come redattore, ma come collaboratore per articoli di critica su pittori e scultori, Ardengo Soffici sarebbe un ottimo acquisto, purché gli si lasciasse piena libertà di giudizio, e il direttore di preparasse a sentirne di tutti i colori. Mi intendo poco d'arte, ma degli articoli pubblicati sulla "Voce" dal Soffici ho sentito pure molte cose da chi ha maggiore competenza di me, e ad ogni modo sono scritti in una forma maschia e vigorosa e saporita, che non e' comune (...)". 

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 215

Autografo di Fortunato Depero Pittore Cartolina Prampolini Invio Raccomandata Marinetti

Consulta la scheda completa

Stima: 350 - 450€

Descrizione:

Cartolina interamente autografa e firmata del celebre pittore Francesco Depero indirizzato ad Enrico Prampolini 

Cartolina postale raffigurante la Sainte Chapelle inviata da Depero a Prampolini presso l'Hotel Mont Martre a Parigi 

Depero invita Prampolini ad inviare la raccomandata a Marinetti presso l'Hotel Corso di Milano e consiglia di allegare il conto. Al termine della lettera Depero comunica al destinatario di essere molto occupato e stanchissimo e di porgere "salutissimi" alla Signora Meyer (trattasi presumibilmente della madame Meyer-See, moglie di un noto gallerista londinese). 

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 216

Autografo di Francesco Balilla Pratella Compositore Cartolina Futurista Tricolore

Consulta la scheda completa

Stima: 250 - 350€

Descrizione:

Cartolina interamente autografa del celebre compositore Francesco Balilla Pratella indirizzata al Sig. Zanotti Sergio Allievo Ufficiale alla Caserma Carlo Emanuele, Batteria IV di Torino 

Rarissima cartolina Futurista Tipo-Cangiullo - Movimento Futurista diretto da Marinetti. 

Il Pratella scrive sul fronte della cartolina tricolore la data Forlì 2 Maggio 1917 e ricambia i saluti cordiali, scrivendo nel campo "donne" la parola "meretrici". 

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 217

Liber Amicorum Morte Pittore Soldato Walter Giorelli Autografi Regina Margherita, Emil Bernard e Regina Elena

Consulta la scheda completa

Stima: 600 - 800€

Descrizione:

Liber amicorum per la commemorazione per la prematura scomparsa del celebre pittore Walter Giorelli, caduto a Plava il 23 novembre 1916 con il grado di Ufficiale del Genio militare.

A partire dal 1° marzo 1917, a pochi mesi dalla morte dell'artista soldato, i Fratelli dell'Ospedale De Merode in Roma organizzarono una mostra postuma dei suoi dipinti.

Data la grande ridondanza mediatica che ebbe la sua prematura scomparsa furono centinaia i personaggi che resero omaggio al pittore, alcuni di enorme spicco; per i quali si menzionano la Regina Elena, la Regina Margherita, il celebre fisico Augusto Righi, Pio Joris, il pittore impressionista Emil Bernard e la sorella di James Joyce May Joyce. 

Di seguito riportiamo un elenco dei nomi più significativi rinvenuti all'interno del libro:

Corrado Mezzana, Florestano di Fausto, Giulio Ferrari, Biagio Biagetti, Luigi Parpagliolo, Mariano Cardovani, Alessandro Bacchiani (giornalista), Pio Joris, Giulio Alessandrini, Alfredo Guzzoni, Riccardo Gabrielli, Rosa Garibaldi (figlia Menotti), Arturo Lancellotti, Augusto Righi, Gaston Bernheiner, Amalia Besso, Arturo Noci, Laura Breschi, Mauro CIngolani, Paternò, Reginaldo Caffarelli (musicista), May Joyce (sorella James), Antonio Carbonati, Emil Bernard, Anna Maria Borghese Principessa, Paolo Morrone, Regina Margherita di Savoia e Regina Elena del Montenegro.  

Unitamente al libro con gli autografi è presente una raccolta rilegata contenente numerose informazioni circa le celebrazioni successive alla morte di Walter Giorelli tra cui il suo necrologio, numerose fotografie della famiglia e della sala dove avvenne l'esposizione dei quadri a Roma, estratti di giornale che citano il Giorelli e dei personaggi che presero parte alla mostra. 

A rendere speciale il carteggio è la presenza di una lettera del R. Istituto di Belle Arti di Roma firmata da Ferrari, l'estratto di morte ufficiale del comune di Dogliani con fotografia firmata da Giorelli e due cartoline interamente autografe e firmate dallo stesso Giorelli inviate alla famiglia dalla zona di guerra. 

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 218

Autografo di Giulio Costantini e Costanzo Di Marzo Antifascismo Rivista "Vesuvio"

Consulta la scheda completa

Stima: 250 - 350€

Descrizione:

Due importanti missive inerenti alla querelle tra i fondatori ed autori della celebre rivista futurista napoletana "Vesuvio". 

La prima lettera è interamente autografa di Giulio Costantini che, con parole forti e dure commenta la pubblicazione dei chiarimenti sul numero appena uscito della rivista "Vesuvio". La lettera è stata redatta a Napoli, il giorno 7 Settembre 1928 corredata di busta d'invio. 

La seconda lettera, unita a due pagine del n° 12 Anno I del "Vesuvio", è interamente autografa di Costanzo Di Marzo e datata 11 Settembre 1928. All'interno della lunga missiva, viene raccolta la testimonianza ufficiale di Di Marzo circa l'aspro litigio avvenuto tra Andrea Giovene di Girasole e Giulio Costantini. La natura del dibattito è grave e significativa: il Costantini rimprovera al Giovene di dare spazio nella rivista al celebre antifascista Gherardo Marone celebre poeta argentino (1891-1962). Qualora venisse pubblicato, non esiterà a comprare un trafiletto ben visibile sul "Mattino" per prenderne le distanze. 

Presente inoltre il numero completo della rivista, unitamente ad una velina su carta intestata raffigurante il logo della rivista "Vesuvio": "Verbali preliminari e definitivi dello scontro avvenuto il 18 Settembre 1928 tra Andrea Giovene di Girasole e Giulio Costantini, avvocato".

A seguito di questi diverbi la rivista ebbe un cambio di editore e chiuse definitivamente i battenti pochi mesi dopo, nel 1929. 

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 219

Autografo di Maria Callas Soprano Lettera Personale Cambio di Residenza a Parigi

Consulta la scheda completa

Stima: 750 - 900€

Descrizione:

Biglietto interamente autografa con firma della celebre soprano greca Maria Callas, senza data ma databile intorno tra la fine degli anni 40' e la prima metà degli anni 50'.

All'interno della lettera inviata molto probabilmente al suo dottore di Milano (Ambrogio de Tomasi) la Divina lo informa del suo prossimo spostamento a Parigi e gli comunica il suo indirizzo (Avenue Foch 44 - Parigi).

Dalla missiva si evince una Callas insolita e molto sensibile: "Volevo telefonarle, ma sono troppo triste della della mia partenza per farlo... Le sono tanto grata di tutto quello che ha fatto per me e le voglio molto bene".

Data la vicinanza con il destinatario la Divina al termina della lettera non riporta la sua firma completa ma recita solamente: "Sua Maria".

Presente inoltre la busta interamente manoscritta della Divina che riporta il destinatario "Dott. De Tomasi".

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!

Prezzo di partenza:

€ 400,00


LOTTO 220

Autografo di Maria Callas Soprano Lettera a Gioielleria Faraone di Milano Esibizione Teatro Alla Scala

Consulta la scheda completa

Stima: 800 - 1.000€

Descrizione:

Lettera interamente autografa dell'immortale soprano Maria Callas, redatta a Milano nei primi anni '50 su carta intestata della celebre gioielleria Faraone.

All'interno delle lettera traspare una Callas estremamente emotiva e sensibile come si evince dal testo:" Un piccolo ricordo per tanta gentilezza - per mettere quando canterò alla Scala".
La missiva infatti accompagnava sicuramente un dono della rinomata oreficeria -una delle preferite di Maria Callas- inviato dalla divina al Dott. De Tommasi che avrebbe dovuto indossare durante una sua esibizione alla Scala.

Presente inoltre la busta interamente manoscritta dalla "Divina" che riporta l'indirizzo del Dott. Ambrogio de Tommasi.




SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 221

Autografo di Costanzo Ciano Lettera Intestata Salma Sorella Pio X con Busta

Consulta la scheda completa

Stima: 100 - 120€

Descrizione:

Lettera dattiloscritta a firma di Costanzo Ciano, militare e politico, padre di Galeazzo Ciano. Costanzo Ciano, capitano di fregata durante la Prima Guerra Mondiale, al comando delle unità siluranti di superficie, prese parte a numerose e rischiose imprese tra le quali lo scontro davanti a Cortellazzo con le navi Wien e Budapest e la famosa Beffa di Buccari, per la quale fu insignito della quarta medaglia al valor militare. Dopodiché assunse diverse cariche istituzionali nel governo Mussolini, tra le quali il Ministero della Comunicazione e infine Presidente della Camera dei Deputati del Regno d'Italia. 

La missiva è indirizzata all'Avv. Pier Giulio Breschi presso la direzione del giornale Il Messaggero, e comunica che Ciano ha provveduto, in seguito alle premure del Breschi, a predisporre il trasporto gratuito da Roma a Castelfranco Veneto della salma della Sig.ra Anna Sarto, sorella del defunto pontefice Pio X (Giuseppe Melchiorre Sarto).

La lettera è redatta su carta intestata del Ministro delle Comunicazioni, con lo stemma e la scritta in blu e listata di nero. E' presente la busta, con la dicitura Personale, non affrancata e con l'apertura sigillata da cera blu-viola con monogramma MS. 

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!

Prezzo di partenza:

€ 50,00


LOTTO 222

Autografo di Umberto Nobile Fotografia Dirigibile Norge in Volo

Consulta la scheda completa

Stima: 150 - 200€

Descrizione:

Fotografia ai sali d'argento del dirigibile Norge firmata da Umberto Nobile celebre generale, esploratore, ingegnere e accademico italiano, docente di Costruzioni aeronautiche dell'Università degli Studi di Napoli Federico II per oltre trent'anni, nonché direttore dello Stabilimento militare di costruzioni aeronautiche a Roma e generale del Corpo del Genio aeronautico ruolo ingegneri dell'Aeronautica Militare; Nobile è stato uno dei pionieri e delle personalità più elevate della storia dell'aeronautica italiana; divenne famoso al grande pubblico per le sue due trasvolate in dirigibile del Polo Nord, compiute nel 1926 a bordo del dirigibile Norge e nel 1928 a bordo del dirigibile Italia, quest'ultima conclusasi in tragedia. 

Fotografia che raffigura il dirigibile Norge nel volo transpolare Roma-Alaska - Passaggio Al Polo Nord: 12 Maggio 1926. 

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 223

Autografo di Armando Diaz Generale Documento Ministero della Guerra con Targa Bronzo

Consulta la scheda completa

Stima: 250 - 300€

Descrizione:

Documento del Ministero della Guerra a firma di Armando Diaz, generale e politico. Sostituì il Generale Cadorna in qualità di Capo di Stato Maggiore dell'Esercito Italiano nel 1917: con la sua esperienza di guerra di trincea nel Carso, egli aveva un'idea più realistica delle necessità e delle difficoltà che la situazione da affrontare richiedeva. Inoltre,  con l'assistenza di Badoglio suo vice, cercò di implementare la preparazione e la dotazione dell'Esercito Italiano, aumentando le rotazioni dei turni, migliorando il vitto e organizzando anche degli spettacoli per migliorare il morale delle truppe. Nel 1918 fu nominato dal Re Senatore del Regno e dopo la marcia entrò nel primo governo Mussolini su condizione del Re Vittorio Emanuele III come ministro della Guerra in quanto uomo di fiducia sinceramente monarchico e figura di prestigio. Si ritirò dalla vita politica nel  1924.

Il documento intestato del Ministero della Guerra - Direzione Generale Personale Ufficiali - Divisione 1° Ufficiali è un'attestazione che l'Ufficiale in congedo Vittorio Liprandi che è stato richiamato in servizio dal 1° Settembre 1918 al 25 Aprile del 1919. L'attestazione è del 10 Ottobre 1923. La firma in calce è del Ministro della Guerra Armando Diaz. In alto è presente un timbro con la data del 24 ottobre 1923, il numero 2840  e a destra il N. 20 date e numeri di protocollo. In basso a sinistra è stato posto il timbro di visto della Ragioneria dello stato con la data di presentazione del 22 ottobre 1923 e la firma del funzionario. A destra il timbro di registrazione presso la Corte dei Conti con la data del 27 Ottobre e il numero di registrazione 2/9.

In allegato al documento è presente un promemoria  datato Agosto 1923, su carta intestata del Ministero della Guerra, stesso ufficio di emissione del documento di cui sopra, nel quale il funzionario spiega la ragione per cui è stato preparato l'atto che Diaz avrebbe firmato. 

Inoltre è presente anche una bellissima targa di bronzo coeva con incisione che riproduce il "Bollettino della Vittoria", il bollettino di guerra nr. 1268 del 4 Novembre 1918 delle ore 12 nel quale Diaz proclamava la ritirata delle truppe Austro-Ungariche e il successo italiano.

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 224

Autografo di Vittorio Emanuele III di Savoia e Pietro Badoglio Decreto per Generali

Consulta la scheda completa

Stima: 150 - 250€

Descrizione:

Decreto a firma autografa di Vittorio Emanuele III di Savoia, Re d'Italia e del Generale Pietro Badoglio. 

Vittorio Emanuele III fu Re d'Italia dal 1900 al 1946, anni nei quali si susseguirono avvenimenti quali due guerre mondiali, l'ascesa del fascismo con l'espansione coloniale italiana ed infine la sua caduta. Il Generale Badoglio ebbe parte negli accadimenti di quel periodo fino a divenire viceré di Etiopia e Governatore dell'Eritrea e, al momento della caduta di Mussolini, capo del Governo e segretario di Stato. Egli convinse il Re a fuggire a Brindisi per evitare che cadesse in mani tedesche.

Il documento sancisce alcuni avvicendamenti nello stato maggiore dell'Aeronautica e vi sono elencati i Generali (tra i quali si segnala il Generale di Squadra Aerea Ranza Ferruccio, asso dell'aviazione che fu direttamente coinvolto il 17 abbattimenti di velivoli nemici) e le varie mansioni che saranno chiamati a svolgere con i relativi termini di decorrenza. Il decreto riporta le firme di Vittorio Emanuele III,del Generale Pietro Badoglio e del Ministro dell'Aeronautica Italiana Renato Sandalli.

Al documento è allegata una fotografia in bianco e nero delle dimensioni di 17 x 23,2 cm che ritrae il Generale Badoglio in marcia durante una parata, mentre passa davanti al palco delle autorità, nel quale è presente il Re Vittorio Emanuele III con altri ufficiali e funzionari.

Il documento è da considerarsi estremamente raro in quanto vengono nominate solamente le cariche più alte dell'Aviazione Italiana pochi mesi dopo l'armistizio del Settembre 1943.

Il decreto è la copia personale destinata al Generale Ranza Ferruccio.

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 225

Autografo di Rodolfo Graziani Fotografia Ufficiale Presidente Movimento Sociale Italiano

Consulta la scheda completa

Stima: 120 - 150€

Descrizione:

Fotografia ufficiale con dedica interamente autografa di Rodolfo Graziani celebre generale e Presidente del Movimento Sociale Italiano, redatta a Roma nel 1953. 

La fotografia è stata elegantemente montata su un bellissimo cartoncino originale sul quale è posta l'autografo con dedica al Rag. Luigi Gobbi del Generale.

Molto probabilmente la fotografia è stata realizzata in occasione della nomina del Generale a Presidente Onorario del MSI (Movimento Sociale Italiano).

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 227

Autografo di Galeazzo Ciano Nomina Cavaliere Gran Croce Corona d'Italia

Consulta la scheda completa

Stima: 250 - 350€

Descrizione:

Lettera firmata dal celebre politico e diplomatico italiano Galeazzo Ciano ed indirizzata a Sua Eccellenza il Signor Cesare Augusto Bado in carica come Ministro dell'Interno dell'Uruguay a Montevideo. 

Documento dattiloscritto su carta intestata de "Il Ministro degli Affari Esteri" redatto a Roma il 20 Luglio 1937. 

All'interno del documento Ciano in qualità di Ministro conferisce al Ministro Bado il grado di Cavaliere di Gran Croce del Suo Ordine della Corona d'Italia. Seguirà a suo tempo il relativo diploma magistrale. 

Documento redatto su carta filigranata P_M_FABRIANO. 


SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 228

Autografo di Asvero Gravelli "ANTIEUROPA" Unificare Europa con Fascismo e Mussolini

Consulta la scheda completa

Stima: 250 - 300€

Descrizione:

Coppia di lettere, una interamente autografa e firmata e l'altra dattiloscritta con firma del Direttore Asvero Gravelli, celebre giornalista, scrittore ed esponente del fascismo intransigente indirizzate presumibilmente al giornalista Jim Barnes, corrispondente della Reuter dall'India.


Nella prima lettera dattiloscritta firmata, il Gravelli comunica: "Ho ricevuto la Sua lettera ed anche le bozze del Suo articolo per l'Edinburgh Review. Mi accingo a leggerlo ed a rilevarne le parti che più direttamente ci interessano per segnalarle su "Antieuropa" (...)". "Noi siamo sorti in Europa ad affermare la supremazia dei valori ideali contro tutte le degenerazioni dello spirito e del materialismo dell'Europa di oggi. A proposito di Stati Uniti d'Europa, questi non potranno formarsi se al di sopra di essi, per la loro coesione, non vi sarà un'idea unificatrice. Questa idea unificatrice moderna non può essere che il Fascismo e se un capo vi ha da essere, non può essere che Mussolini (...)". Datata Roma, 12 Giugno 1929. 


Nella seconda lettera, interamente manoscritta e firmata, il Gravelli informa il destinatario che nel mese di agosto unirà un lungo cenno nel suo articolo che ha ricevuto tempo fa e quando si recherà a Londra, alla fine del mese, spera di poter passare a salutare. Termina la lettera inviando gli ossequi a De Vries. Datata 5 Agosto 1929. 



SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 229

Autografo di Emilio Canevari Ringraziamenti Col. Failla Centro Mutilati Lecco RSI

Consulta la scheda completa

Stima: 100 - 150€

Descrizione:

Lettera dattiloscritta firmata da Emilio Canevari esponente di spicco del fascismo e in particolare della Repubblica Sociale Italiana fondata da Benito Mussolini nell'autunno 1943, della quale organizzò l'Esercito Nazionale Repubblicano. 

Documento su carta intestata del Comandante dello Stato Maggiore Esercito redatto presso Posta da Campo 871, il 9 Giugno 1944 XXII ed indirizzato al colonnello Failla, Direttore di Sanità dell'Ospedale Militare di Baggio (Milano).

All'interno della lettera il Canevari si rammarica di non aver potuto salutare il Failla prima della sua partenza per Milano e successivamente porge i suoi ringraziamenti per la fedele collaborazione, prima come direttore del Centro Mutilati di Lecco e poi della Sanità Militare del 205° Comando Regionale.


Condizioni: la lettera riporta un lieve strappo al margine destro.


SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 230

Autografo di Ezio Garibaldi Lettera Comm. Reggiani Ossario Gianicolo

Consulta la scheda completa

Stima: 80 - 120€

Descrizione:

Lettera dattiloscritta firmata da Ezio Garibaldi, politico e militare. Era nipote di Giuseppe Garibaldi e ultimo figlio di Ricciotti e Constance Hopcraft. Partecipò alla Prima Guerra Mondiale in seno alla Legione Garibaldina e fu congedato dopo essere stato ferito; si avvicinò al fascismo e divenne in seguito deputato del Regno d'Italia, fu contrario alla promulgazione delle leggi razziali ma ciò nonostante divenne consigliere della Camera dei Fasci e delle Corporazioni. Dopo l'8 Settembre 1943 si ritirò dalla vita politica. 

La lettera è indirizzata al Comm. Antonio Reggiani, Vice Presidente del Mausoleo Ossario Garibaldino situato in località Colle del Pino sul colle Gianicolo, dove si svolse la strenua difesa tra la fine di Aprile e Luglio del 1849 della Repubblica Romana proclamata il 9 Febbraio dello stesso anno. Ezio Garibaldi riporta la lamentela degli scalpellini ai quali non vengono fornite le generalità dei resti e, perdurando questo problema, non potranno portare a termine il loro incarico nei termini previsti. Egli si mette a disposizione per intensificare le ricerche sui resti che ancora non sono stati attribuiti e invita il Reggiani a fornire i nominativi agli operai, affinché la loro opera possa avere almeno inizio.

La missiva è protocollata con il nr, 2350/GE, datata 1941 19° anno dell'Era Fascista ed è firmata, in calce, con una sigla a matita rossa, prerogativa del Garibaldi. 

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 231

Autografo di Alessandro Blasetti Realizzazione Film "La Corona di Ferro"

Consulta la scheda completa

Stima: 250 - 350€

Descrizione:

Lettera interamente autografa firmata di Alessandro Blasetti, celebre regista, sceneggiatore, critico cinematografico tra i più influenti del cinema italiano, fu un grande sperimentatore, artista che elaborò un progetto di cinema unitario in cui un'intera generazione di cineasti si riconobbe. Scoprì e lanciò coppie famose come Luisa Ferida e Osvaldo Valenti, Sofia Loren e Marcello Mastroianni.

Lettera autografa firmata, datata 26 aprile XIX (1941) diretta a "Sua Eccellenza" (dato il contenuto trattasi quasi certamente di Benito Mussolini), nella quale lo informa sui lavori relativi al film “La corona di ferro” parte delle cui scene sta girando in Albania. Il film, che nello stesso anno sarà presentato alla 9a Mostra del cinema di Venezia vincendo la “Coppa Mussolini” è un kolossal fiabesco dalle venature pacifiste che si conclude proprio con le scene girate da Blasetti in Albania. Alle gole di Natersa si compie il destino dei protagonisti della vicenda. Elsa, per espiare la sua colpa nei confronti di Tundra, la protegge con il proprio corpo dalla freccia fatale scoccata da Farkas, e in punto di morte rivela ad Arminio, accorso troppo tardi per salvarla, che l'ha ingannato sulle intenzioni di Tundra. Ecco la lettera: ”Eccellenza, gli interni, come avrete saputo, sono finiti da un pezzo. Il tempo infame ci ha impedito finora di fare gli esterni (tre ordini del giorno di cui uno solo pieno). Naturalmente non si è perduto il tempo e il montaggio progredisce sensibilmente. Prologo e Primo tempo sono quasi ultimati di montaggio. E io ho personalmente ultimato da due giorni il montaggio delle Gole di Naterna perché la cosa più importante da controllare subito agli effetti del risultato complessivo finale è proprio l'ultima 'pizza' del film. Appena completato questo pezzo vi scriverò subito le mie impressioni 'obiettive'. Fin d'ora posso dirvi che tutto il prologo e il primo tempo (salvo qualche chiarimento e alleggerimento del prologo) vanno, mi sembra, veramente bene. E l'opinione dei collaboratori - che son stati decisamente spietati sempre nelle loro impressioni perché mi sono amici - è eccellente. Fin d'ora posso dirvi che un'altra preoccupazione può dirsi dileguata: il calcolo del metraggio. Primo tempo e prologo raggiungeranno - titoli compresi - i 1600-1650 metri. E poiché, sulla scorta del copione, costituiscono oltre il 50% del film, e poiché i tagli più importanti di dialogo e di azione sono stati portati al secondo tempo tutto fa prevedere che il film non superi i 3.200 di cui s'è sempre parlato. Decisamente voi portate fortuna. Al solo vostro apparire sulla linea del fronte un esercito ha capitolato e un altro s'è fatto in frantumi. Il vostro sorriso, il vostro animo schietto, il vostro carattere leale, forte, ottimista non possono infatti non essere elemento di fortuna agli altri e a voi. E tutti qui ci auguriamo che quando, fra poco, la missione degli eserciti d'Albania sarà ridotta alle funzioni di Corpo d'occupazione, vi ritornate a dirci le vostre parole di rimprovero, di incitamento, di consiglio...". Il 3 aprile 1941 a Giannina era stato siglato l'armistizio conclusivo delle ostilità sul fronte greco-albanese: firmarono Tsloakoglu per la Grecia, il generale Alfred Jodl per la Germania e il generale Alberto Ferrero per l’Italia.

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 232

Autografo di Giuseppe Bottai Ministro Educazione Nazionale Lettera Invio Fotografia

Consulta la scheda completa

Stima: 80 - 100€

Descrizione:

Lettera dattiloscritta con autografo di Giuseppe Bottai, Ministro della Educazione Nazionale, ex Governatore della Provincia Italiana di Addis Abeba (Etiopia) e ex Governatore di Roma.

Lettera redatta a Roma il 12 settembre 1937 ed indirizzata alla Teresa Panizza di Milano.

All'interno della lettera il gerarca risponde ad una missiva (non presente) inviata dalla signora Teresa Panizza che chiede al Ministro una sua fotografia, infatti così risponde:" aderendo di buon grado al suo desiderio, le invio, acclusa alla presente, una mia fotografia".

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 233

Autografo di Ezio Babbini Generale Direttore Scuola Centrale Militare

Consulta la scheda completa

Stima: 100 - 120€

Descrizione:

Lettera interamente autografa con firma di Ezio Babbini, Generale italiano durante la Prima Guerra Mondiale e durante la guerra di Etiopia.

Lettera redatta a Civitavecchia il 15 Luglio 1929.

All'interno della lettera il Generale si congratula con "la piccola Maria Clara" e invia saluti affettuosi al destinatario (sconosciuto) ed alla sua signora.

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!

Prezzo di partenza:

€ 30,00


LOTTO 234

Autografo di Francesco Fausto Nitti Cartolina Immagine Julius Fucik

Consulta la scheda completa

Stima: 100 - 120€

Descrizione:

Cartolina con dedica e firma autografa di Francesco Fausto Nitti, partigiano e antifascista, fondatore e animatore di numerose organizzazioni antifasciste. Partecipò alla Prima Guerra mondiale e al suo ritorno, dopo che suo padre pastore evangelico fu aggredito da una squadra di fascisti, si dette alla politica clandestina, fondando una società segreta di nome "Giovane Italia". In seguito fu mandato al confino prima a Lampedusa poi a Lipari da dove fuggì insieme ad altri confinati. Partecipò inoltre alla Guerra Civile Spagnola  e durante il secondo conflitto mondiale, dalla Francia, organizzò una rete spionistica clandestina per il Bureau Centrale de Renseignements et d'Action e in seguito si aggregò alla resistenza francese. Alla fine del conflitto gli fu attribuita la Médaille de la Résistence.

La cartolina, illustrata con l'immagine di Julius Fluick, un antifascista ceco ucciso dai nazisti, sul retro riporta un piccolo riassunto della sua uccisione; scritta a Berlino nel 1950 e affrancata, riporta i timbri di viaggio.

Allegato alla cartolina, la tessera nr. 6482 del Comitato d'Aiuto alla Gioventù Repubblicana Spagnola emessa nel 1948 intestata a Giancarlo Lannutti.

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!

Prezzo di partenza:

€ 30,00


LOTTO 235

Autografo di Roberto Farinacci Lettera Camera dei Deputati Fascismo

Consulta la scheda completa

Stima: 150 - 200€

Descrizione:

Lettera dattiloscritta con autografo di Roberto Farinacci, ex segretario del Partito Nazionale Fascista e Deputato della XXVIII Legislatura del Regno d'Italia.

All'interno della lettera, redatta su carta intestata della Camera dei Deputati e indirizzata al Mons. Eugenio Morandi Canonico di Cremona, il Farinacci chiede che la richiesta inoltrata dalla Sig.ra Ceresa Maria per ottenere l'alloggio nella Pia Casa Tinti.

Si allega inoltre la risposta del Canonico di Cremona di qualche mese dopo per riferire che la richiesta inoltrata dal Farinacci è andata a buon fine.

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 236

Autografo di Roberto Farinacci su Fotografia Originale Incidente Bomba

Consulta la scheda completa

Stima: 300 - 350€

Descrizione:

Rara fotografia con dedica autografa firmata di Roberto Farinacci celebre Segretario del Partito Nazionale Fascista, immortalato dopo l'incidente subito durante il lancio di una bomba a mano esplosa in anticipo, mentre prestava servizio come tenente dell'aviazione nella guerra di Etiopia (4 Maggio 1936).


Nella fotografia il Farinacci è stato immortalato in ospedale, nelle ore successive alle prime cure, il cranio rasato e ferito dalle schegge, il braccio fasciato (subì l'amputazione della mano destra) e la dedica riporta: "Alla grande Famiglia che mi ha accolto fraternamente. Cremona 19/7/XIV".


Fotografia originale di Rastelli Erminio - Cremona.


In un primo momento si pensò che il fatto fosse accaduto durante un'esercitazione bellica, ma poi venne scoperto che in realtà fu per un incidente, avvenuto mentre con le bombe a mano pescava in un laghetto presso Dessié (regione degli Amara). La mutilazione causata dallo scoppio fu comunque considerata come ferita bellica e Farinacci ottenne un vitalizio: quando però Mussolini scoprì come si erano svolti gli eventi, lo costrinse a devolvere tale pensione d'invalidità in beneficenza.


A impreziosire ulteriormente l'autografo è la presenza del timbro ufficiale della "Associazione Nazionale fra Mutilati ed invalidi di Guerra - Ufficio Stampa".

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 237

Autografo di Dino Grandi Ambasciata d'Italia a Londra Lettere alla Madre

Consulta la scheda completa

Stima: 200 - 250€

Descrizione:

Due lettere interamente autografe e firmate dal politico e diplomatico italiano Dino Grandi, datate 26 Agosto XIII (1935) e 14 Febb. XVII (1939) su carta intestata dell'Ambasciata d'Italia a Londra, dove Grandi era stato inviato da Benito Mussolini in qualità di ambasciatore del Regno d'Italia ed indirizzate alla cara madre. 

Lettere  a carattere familiare. "La tua voce è debole, al telefono, ma mostra di essere forte e calma. Lo so che tu, nei grandi momenti della vita, sei sempre all'altezza, cara Mamà. Lo sei sempre stata, e tanto più lo devi essere adesso, mia buona cara Mamà. Ho ricevuto una lettera della nostra Annina (...)". "Ho fatto un buonissimo viaggio ed ora eccoci di nuovo qua. I bimbi benissimo, grazie a Dio, e Mimma anche. La stagione è buona: non come in Italia, ma buona. Come sono lieto di averti trovata così bene! Speriamo a metà marzo di rifare le nostre "scorpacciate" al Pappagallo, nevvero? (...)".

Presente anche una busta d'invio anch'essa autografa del Grandi indirizzata alla Signora Domenica Grandi in Italia.

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 238

Autografo di Achille Starace a Luigi Freddi Littoriali Cultura e Arte

Consulta la scheda completa

Stima: 120 - 150€

Descrizione:

Lettera dattiloscritta su carta intestata del Segretario del Partito Nazionale Fascista con firma e correzioni autografe di Achille Starace indirizzata al Dr. Luigi Freddi, (1895-1977) direttore di Cinecittà e del Centro sperimentale di cinematografia.


All'interno della lettera Starace comunica: "Ti ringrazio per l'opera svolta in occasione dei Littoriali della Cultura e dell'Arte, opera che ho molto apprezzato.".


Presenti 4 telegrammi a Freddi presso il Ministero della Cultura Popolare a Roma. 

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 239

Autografo di Arnoldo Mondadori Lettera Proroga Diritti Enrico Caviglia

Consulta la scheda completa

Stima: 80 - 100€

Descrizione:

Lettera dattiloscritta con autografo del grande editore Arnoldo Mondadori indirizzata al Dott. Mario Franzini Tibaldeo e redatta a Milano, il 28 novembre 1953.

All'interno della lettera il grande editore comunica al Dott. Mario Franzini Tibaldeo la volontà di estendere per 10 anni i diritti editoriali del volume scritto dal defunto Maresciallo d'Italia Enrico Caviglia "La dodicesima battaglia - Caporetto".

Accanto al destinatario è presente la firma del Dott. Tibaldeo per presa visione del documento.

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 240

Autografo di Alcide De Gasperi Presidente della Repubblica Servo di Dio Croce Valor Militare

Consulta la scheda completa

Stima: 400 - 500€

Descrizione:

Raro autografo del Presidente del Consiglio dei Ministri Alcide De Gasperi fondatore del partito Democrazia Cristiana, Presidente del Consiglio di 8 successivi governi di coalizione dal dicembre 1945 all'agosto 1953. Devoto cattolico, la Chiesa cattolica lo ha insignito del titolo di servo di Dio nel 1993, quando ne venne avviata la causa di beatificazione.

Decreto su carta intestata del Consiglio dei Ministri - Presidente della Repubblica con cui viene concessa la Croce al Valor Militare al partigiano Giovanni Rosso di Francesco, magistrato integro e apostolo di giustizia, con piena responsabilità delle proprie azioni sottraeva dall'arresto e dalla deportazione numerosi elementi della resistenza. Successivamente organizzò una cerimonia commemorativa dei trucidati alle Fosse Ardeatine, commemorando con elevate parole i gloriosi caduti. 

Allegato al documento è presente un avviso di ricevimento firmato del Sig. Rosso. 

Condizioni: presente un restauro conservativo sul retro del documento. 


SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 241

Autografo di Palmiro Togliatti Lettera Richiesta da Giornalista La Libertà

Consulta la scheda completa

Stima: 250 - 350€

Descrizione:

Lettera interamente autografa di Palmiro Togliatti, politico e segretario del PCI fino alla sua morte. 

Il testo di Togliatti è compilato sul retro della lettera inviata da Enzo Gambino, giornalista del quotidiano La Libertà presso la Tribuna Stampa della Camera dei Deputati, ove richiedeva a Togliatti un'intervista in merito alle azioni di governo. Togliatti scrive quindi la risposta sul retro, trovandosi d'accordo a concedere il suo parere se Gambino gli farà avere prima le domande. Sapendo che il quotidiano pubblicherà l'intervista di lunedì, prevede di fargli avere le risposte lunedì nella mattinata. 

Il manoscritto è redatto su carta intestata della Camera dei Deputati ed è provvista della busta originale, anch'essa intestata.

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 242

Autografo di Padre Agostino Gemelli Incarico Insegnante Filologia Germanica

Consulta la scheda completa

Stima: 80 - 120€

Descrizione:

Lettera dattiloscritta su carta intestata dell'Istituto Giuseppe Toniolo di studi superiori firmato da Padre Agostino Gemelli celebre religioso, medico e fondatore dell’università del Sacro Cuore di Milano; in qualità di Presidente dell'Istituto redatta a Milano, il 14 Luglio 1941. 


Lettera indirizzata al Professor Lorenzo Bianchi celebre filologo, al quale viene comunicato l’incarico all’insegnamento di Filologia germanica per l’anno accademico 1941/42 presso l’Apostolico Istituto del S. Cuore di Castelnuovo Fogliani con l'onorario di L. 3500 con vitto, alloggio ed una vettura che provvederà al trasporto all'Istituto. 



SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 243

Autografo di Merry del Val Cardinale Servo di Dio Incisore di Sua Santità

Consulta la scheda completa

Stima: 250 - 350€

Descrizione:

Documento con autografo del Cardinale Segretario di Stato Rael Merry del Val, celebre figura di grande rilievo all'interno dello Stato Vaticano, divenuto nel 1953 Servo di Dio.

Il documento è di grande interesse poiché si concede alla Ditta Pasinati -nella persona di Giuseppe Micheletti-, il titolo di "Incisore di Sua Santità" e la facoltà di replicare sulla propria insegna l'emblema papale.
La famiglia Pasinati si distinse da sempre per le doti incisorie, tanto da essere annoverata tra gli incisori vaticani già dal XVIII secolo.

Il documento è impreziosito dalla fascetta papale color giallo e bianco sorretta da due sigilli raffiguranti le chiavi incrociate perfettamente conservate, unitamente allo stemma pontificio di Pio X in rilievo a colori.

Dimensioni attestato: 56,5 x 42 cm


SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 244

Autografo di Giulio Andreotti Lettera Intestata Ministero della Difesa

Consulta la scheda completa

Stima: 80 - 100€

Descrizione:

Lettera dattiloscritta con firma autografa di Giulio Andreotti, politico, scrittore e giornalista. Fu esponente di primo piano della Democrazia Cristiana e protagonista della vita politica italiana a partire dal dopoguerra fino agli anni 2000. Andreotti ricoprì più volte gli incarichi di Presidente del Consiglio e Ministro di vari Dicasteri nel corso degli anni.

Il carteggio si sviluppa su tre missive, due delle quali inviate ad Andreotti dal Prof. Aldo Spallicci in qualità di Presidente dell'Associazione Nazionale Veterani e Reduci Garibaldini: nella prima lettera Spallicci chiede lumi in merito ad alcuni finanziamenti destinati alle associazioni di Veterani recentemente approvati dal Governo, dai quali l'Associazione che presiede è stata esclusa. La risposta di Andreotti, estremamente esaustiva e molto cortese, spiega che le associazioni cui sono destinati i fondi sono esclusivamente quelle poste sotto il diretto controllo della Difesa, quindi quella in oggetto non rientra nel novero. Tuttavia egli invia un assegno di Lire cinquantamila a titolo di contributo personale. Nella risposta Spallicci ringrazia sentitamente per la cortesia e allega ricevuta dell'importo.

La lettera riporta l'intestazione del Ministero della Difesa (che Andreotti presiedeva all'epoca) in alto a sinistra con il numero di protocollo  61/212/BLF. E' presente a destra sotto la data, il timbro di ricezione dell'Associazione con il relativo numero di protocollo. In alto, trovandosi un assegno all'interno, è stato posto il timbro della spedizione Assicurata.

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 245

Autografo di Giorgio La Pira Venerabile Discorso Interamente Manoscritto Importanza Chiesa Epoca Storica

Consulta la scheda completa

Stima: 600 - 800€

Descrizione:

Corposo ed interessante manoscritto interamente autografo con firma di Giorgio La Pira celebre uomo politico, sindaco di Firenze dal 1951 al 1957 e dal 1961 al 1965 (ricordato come "il sindaco santo" e oggi in attesa di essere beatificato) dichiarato Venerabile da Papa Francesco nel 2018.

Lo scritto, composto di getto e denso di modifiche, cancellature e rifacimenti verte attorno alle prospettive e agli obiettivi della Chiesa. Si può leggere infatti: 
“L’idea animatrice che dà – per così dire – novità, ispirazione e movimento a questo grande messaggio storico e sociale della Chiesa, Madre e Maestra delle genti? Eccolo: la Chiesa entra arditamente, con la pienezza della sua forza, divina ed umana, temporale ed eterna, nel cuore stesso dell’epoca nuova nella quale è entrata la storia del mondo...”. 

Presenti alcune modifiche in inchiostro blu apposte successivamente allo scritto.

Il lotto presentato, dato il contenuto, è da considerarsi di grande interesse poiché denso di significato ed affine alle tematiche da sempre care a La Pira.





SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 246

Autografo di Giorgio La Pira Venerabile Terzo Convegno Internazionale Civiltà Cristiana

Consulta la scheda completa

Stima: 600 - 800€

Descrizione:

Interessante lotto composto da tre lettere con autografo -di cui una interamente autografa-  del celebre politico Giorgio La Pira dichiarato Venerabile da Papa Francesco nel 2018, inviate dal 1954 al 1956 al Principe Ernest Von Pauer de Faucigny Lucigne a Vaduz.

All'interno delle missive sono comunicate informazioni circa il convegno "pour la paix et la civilisation chrétienne" di Firenze, con relativa risposta della cancelleria "Fuerstliche Regierung". Il 5 gennaio 1952, alla vigilia dell’Epifania, La Pira convocava a Palazzo Vecchio, sei mesi dopo la sua elezione a Sindaco, i rappresentanti del corpo consolare per consegnare loro un messaggio per i rispettivi governi con l’invito ad inviare a Firenze «rappresentanti qualificati della cultura [...] per procedere ad uno scambio di idee sulle attuali condizioni della civiltà cristiana nel
mondo e sulle permanenti capacità che possedeva per essere valido strumento di pace e di unificazione tra i popoli». L’invito ebbe una vasta eco; venne raccolto da trentatré Stati che inviarono rappresentanti – altri sedici aderirono; a Firenze poté svolgersi così, dal 23 al 28 giugno 1952, il primo Convegno internazionale per la pace e la civiltà cristiana sul tema “Civiltà e pace”; una iniziativa ripresa poi ogni anno, su un tema diverso, con un numero sempre più elevato e significativo di «“ambasciatori” culturali, portatori di pace» fino al 1956.
Molto interessante la lettera firmata che accompagna il fascicolo a stampa:
"Firenze vedrà quest'anno per la quinta volta Nazioni di ogni parte del mondo riunite nel Convegno per la Pace e la Civiltà Cristiana. Del messaggio d'invito al Convegno, diretto ai Capi di Governo di tutto il mondo, mi onoro di rimetterLE copia, insieme al testo del discorso da me rivolto ai Consolo stranieri in Firenze la sera del 5 gennaio, vigilia dell'Epifania, in Palazzo Vecchio, all'atto della consegna del messaggio per il successivo incontro...". "Qui troverà in veste tipografica la mozione che abbiamo votata al termine dei lavori, insieme col testo del mio discorso finale...". 

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 247

Autografo di Papa Giovanni Paolo II Incontri a Cracovia sulla Contraccezione

Consulta la scheda completa

Stima: 1.300 - 1.500€

Descrizione:

Lettera dattiloscritta con firma del Cardinale Karol Wojtyla allora in carica come Arcivescovo di Cracovia fino al 1978 e di seguito divenuto Santo Papa Giovanni Paolo II.

Lettera in polacco su carta intestata del Matropolita Krakowski, ul. Franciszkanska, Krakòw 20 grudnia 1975 (Cracovia, 20 dicembre 1975).

All'interno della lettera Wojtyla informa il destinatario sugli incontri del 7 e 8 febbraio 1976 a Cracovia, presso la Sala Capitolare dei Domenicani in via Stolarska 12. Questi incontri sono stati proposti dall'Istituto per la Famiglia. Il seminario riguarderà la contraccezione, per i medici, ginecologi e teologi. Wojtyla comunica successivamente che allegherà il programma (non presente) ed invita con piacere a partecipare alla suddetta sessione. 

Importante e raro messaggio che mette in luce la vicinanza del futuro Santo Padre alla scienza. Fu proprio Giovanni Paolo II durante il suo pontificato ad aprirsi alla comunità scientifica intrattenendo importanti congressi, come ad esempio il memorabile discorso del 31 ottobre 1992 alla Pontificia Accademia delle Scienze.
Il punto forse più alto che sancì questa vicinanza tra Scienza e Chiesa venne raggiunto proprio da Giovanni Paolo II il 3 luglio 1981, divenendo il  primo promotore di una commissione pontificia per lo studio della controversia tolemaico-copernicana del XVI e del XVII secolo, nella quale il caso Galileo si inserisce, per fare luce su errori e responsabilità nelle vicende che provocarono molto patimento all’uomo Galilei.


SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


LOTTO 248

Autografo di Giorgio Morandi Pittore Lettera al Critico d'Arte Nascita Figlio

Consulta la scheda completa

Stima: 700 - 900€

Descrizione:

Lettera interamente autografa con firma di Giorgio Morandi celebre pittore e incisore italiano. Fu uno dei protagonisti della pittura italiana del Novecento ed è considerato tra i maggiori incisori mondiali del secolo.

La missiva, interamente manoscritta da Morandi, è inviata a Gino Visentini (Critico d'arte di rilievo internazionale, fondò e diresse Cronache, Mensile di Letteratura e d'Arte sulla quale pubblicò disegni di Morandi e di Manzù di cui era amico personale.) con busta, anch'essa autografa.

All'interno Giorgio Morandi si congratula per la nascita di Paolo, figlio del Visentini, inviando sentiti auguri al padre e alla madre.

Gli autografi di Giorgio Morandi sono particolarmente rari e difficilmente reperibili, specialmente durante questo periodo storico.

SEZIONE : Autografi Antichi - '900

Termine asta:

ASTA CONCLUSA!


« Pagina precedente Pagina 2 di 2