AUTOGRAFO DI JUAN DE VELASCO DE LA CUEVA Y PACHECO CONTE DE SIRVELA GOVERNATORE MILANO

Lotto 104

JUAN DE VELASCO DE LA CUEVA Y PACHECO

Stima: 400 - 600€

Non aggiudicato

Commissioni d'asta del 15%

Chiusura asta: 11/03/2022
Tempo rimanente: ASTA CONCLUSA!

Questo cimelio è certificato da Associazione Autografia Periti Calligrafici Certificatori e garantisce al 100% l'autenticità. Il certificato non ha limiti di tempo ed è valido in tutto il mondo.

Lettera firmata da Juan de Velasco de la Cueva y Pacheco celebre generale e politico spagnolo, VIII conte di Siruela. 

Comunicazione bellica in lingua spagnola, firmata dal Conte de Sirvela che dal 1641 al 1643, durante l'assenza del marchese de Leganes impegnato nei conflitti della Guerra dei trent'anni, era stato nominato provvisoriamente alla carica di governatore del Ducato di Milano.

Il Conte de Sirvela aveva fatto la sua entrata in città il 12 di febbraio di quell’anno e all’epoca della lettera era in carica da appena un mese. In essa vengono richiesti "con la brevidad / que el caso q(ui)ede aiuti e sostento per la milizia che "no tiene algun reparo (…) sin lo qual /sera Inposible que pueda subsistir" a seguito di un dispaccio del "Cardenal Tribulcio" (Gian Giacomo Teodoro Trivulzio (1597-1656), cardinale dal 1629, governatore generale delle armi nello Stato di Milano). 
Per tutto il 1640 tra l'esercito franco-piemontese del conte Enrico di Lorena d'Harcourt, e quello spagnolo e dei principi Tommaso e Maurizio di Savoia era stato un succedersi di scontri, assedi, conquiste e riconquiste, inutili trattative di pace. Nel corso dell'anno l'Harcourt aveva liberato Casale.
"Il Leganes (...) ivi sorpreso dai Francesi, fu rotto e vi perdette il campo, il tesoro, la gloria cui aspirava, ed anche il governo, poichè gli fu dato lo scambio". L'offensiva francese era proseguita verso Torino, costringendo il principe Tommaso a ritirarsi a Ivrea sulla Dora Baltea. Giunto l'inverno, Tommaso tentò nuovamente di negoziare con Richelieu attraverso il suo giovane agente, Giulio Mazzarino. Ma, improvvisamente, il 27 febbraio 1641, dopo essersi incontrato col Sirvela "poco abile in pace e meno in guerra" presso Peggi, il principe sabaudo rinnovò il proprio trattato con la Spagna e riprese le operazioni belliche, colpo che i francesi videro come di profonda perfidia. Nel marzo 1641 i Franco-piemontesi si erano acquartierati sulla sponda occidentale della Dora Baltea a est di Chivasso, in attesa degli sviluppi delle trattative politiche: "(...) el Enemigo refresca su gente en los quarteles que ha / ocupando de la otra parte dela Dora (...)", mentre le forze spagnole tenevano le posizioni senza "alguna commodidad", e proprio il giorno 14 Madama Reale fece pubblicare e diffondere un editto per far conoscere che "non era mancato per parte di lei e dei Francesi, che non si fossero aggiustate le differenze con i Principi suoi cognati, ma che le sue buone intenzioni erano state traversate per l'altrui maligna invidia, ed artifizii degli Spagnoli". Tommaso tentò poi di assediare Chivasso ma venne forzato dall'Harcourt ad abbandonare l'assedio e così pure accadde a Cherasco. L'offensiva francese proseguì nei mesi successivi: Cuneo venne ripresa e i principi, ormai costretti sulla difensiva e praticamente abbandonati dalla Spagna, ripresero le trattative di pace con il Mazzarino, giungendo 14 giugno 1642 alla firma dell'accordo definitivo.

Codice articolo: LBL0322AST

Data articolo: 14/03/1641

Pagine: 4

Pagine manoscritte: 2

Condizioni: Ottime

Dimensioni: 30x21

Per partecipare all’asta e piazzare la tua offerta devi essere registrato al sito. La registrazione è gratuita e senza alcun impegno di acquisto. Puoi registrarti qui

L’asta è a tempo; ogni informazione relativa a scadenza, offerte, raggiungimento del prezzo di riserva e stima sono riportate nella scheda di ogni lotto.

Al fine di replicare al meglio la dinamicità di un’asta in presenza e per garantire la massima trasparenza in fase di aggiudicazione, l’offerta più alta ricevuta negli ultimi 60 secondi prorogherà la scadenza dell’asta di un ulteriore minuto. Questa dinamica si ripeterà fino a che le offerte non saranno esaurite. Il lotto sarà quindi battuto al migliore offerente e l’asta chiusa. Riceverai un messaggio di aggiudicazione alla mail che avrai utilizzato per la registrazione.

Per pagamenti, spedizioni ed altre informazioni, ti preghiamo di consultare le apposite sezioni del sito.

Il lotto viene aggiudicato al maggior offerente. Sul prezzo di aggiudicazione verrà aggiunta una percentuale per diritti d’asta proporzionale al prezzo di aggiudicazione come da prospetto sottoelencata. Nel caso di Aste organizzate per beneficenza, la commissione sarà sempre del 15%. L’importo sarà interamente devoluto all’ente designato che sarà indicato di volta in volta nella scheda descrittiva di ciascun lotto in vendita.

Commissioni di vendita

Fino a € 25.000 - 15% sull’hammer price

Da € 25.0001 a 100.000 - 12% sull’hammer price

Oltre € 100.000. - 10% sull’hammer price

Spedizione verso Italia: 7€
Spedizione UE: 15€
Spedizione Extra UE: 25€

La spedizione dei lotti aggiudicati avverrà entro 7 giorni dalla ricezione del pagamento tramite corriere espresso SDA per l’Italia o DHL per l’estero.

Ogni lotto verrà confezionato con estrema cura con imballi rigidi e antiumidità per il materiale cartaceo ed imballi antiurto ed antiumidità per i cimeli sportivi o storici. Per la salvaguardia dell’ambiente, il cartone utilizzato per gli imballaggi è di tipo riciclato. Al momento della spedizione il sistema invierà il codice di tracciabilità alla mail indicata all’atto dell’iscrizione al sito.

I lotti aggiudicati possono essere saldati tramite PayPal, carte di credito o bonifico bancario entro cinque giorni dalla chiusura dell’asta.

Ogni autografo proposto in vendita è corredato di Certificato di Autenticità COA R rilasciato dal’Associazione Autografia - Periti Calligrafi Certificatori. Gli autografi vengono visionati di persona da almeno due Periti dell’Associazione i quali, dopo aver effettuato gli opportuni esami calligrafici, spettrografici e tramite ingranditore digitale, ne sanciscono l’autenticità.
L’Associazione Autografia è l’unico Ente certificatore nel bacino europeo a potersi fregiare del prestigioso marchio UACC (Universal Autographs Collectors Club), il che rende i loro Certificati di Autenticità validi e riconosciuti in tutto il mondo. I Certificati vengono poi registrati nel database dell’Associazione ed accessibili tramite il numero seriale.