AUTOGRAFO DI GIOVANNI PAISIELLO COMPOSITORE GIUSTIFICAZIONE CONDOTTA ANARCHICA NAPOLI

Lotto 135

GIOVANNI PAISIELLO

Stima: 4.000 - 6.000€

Prezzo di partenza:
500,00 €

Nessuna Offerta

Commissioni d'asta del 15%

Chiusura asta: 16/12/2022
Tempo rimanente: 15g 12o 22m 54s

Inizio asta 09/12/2022 12:00:00

Questo cimelio è certificato da Associazione Autografia Periti Calligrafici Certificatori e garantisce al 100% l'autenticità. Il certificato non ha limiti di tempo ed è valido in tutto il mondo.

Lettera interamente autografa e firmata di Giovanni Paisiello celebre compositore italiano, uno degli ultimi grandi rappresentanti della scuola musicale napoletana e uno dei più importanti compositori del Classicismo. Figura centrale dell'opera italiana della seconda metà del XVIII secolo, ha contribuito in maniera determinante allo sviluppo dell'opera buffa.

Importante lettera indirizzata a "Vostra Eccellenza" trattamento riservato in campo amministrativo, giudiziario, politico-militare, religioso e nobiliare. Missiva redatta a Napoli il 28 Agosto 1799. 

Il Paisiello si giustifica per la condotta tenuta in tempo di anarchia e cerca di ribadire la sua posizione con queste parole: "Nell'umiliare la detta relazione, ma solamente per mettergli avanti gli occhi il tutto, per garantirmi a tutte le calunnie che mi hanno potuto incolpare i miei Nemici presso delle Maestà Loro, dalle quali spero ottenere (mediante la Loro clemenza) tutta quella giustizia che mi si compete, stante non credo di aver mancato a quel dovere che deve avere un vero suddito, vassallo e servitore fedele, che mi vanto di essere stato e d'essere finché avrò vita. Solo una cosa manca Eccellenza nella relazione umiliatagli; che è questa che vado a dirgli. Se mi riusciva di partire da Napoli, si poteva mai credere di avere io accettata la carica di Maestro di Cappella Nazionale!! e non avendo poi potuto partire, e col restare il non aver preso soldo alcuno, si può credere di avere io accettato la carica!". Paisiello cerca poi di portare dalla sua parte il destinatario per presentare la situazione ai Sovrani che lo hanno accolto a corte.

Al Paisiello gli fu affidata la direzione della musica sia per i solenni funerali di Pio VI, sia per le feste; fu assunto al soglio pontificio Pio VII. De Nicola annota: «Ha diretto la musica il celebre maestro Pajesiello ch’è riuscita bellissima»; ed al margine: «Questo maestro si sta giustificando, perché in disgrazia, essendosi detto che fosse andato in Roma per servizio delle Repubblica». Il De Nicola scriveva il vero. Le orde del cardinale Ruffo erano appena entrate in città quando Giovanni Paisiello «che valente nell’arte come Piccinni e Cimarosa, però li vinceva in scaltrezza». 

Questa lettera è una delle missive che Paisiello si affrettò ad inviare analoga a quella recapitata al Marchese del Vasto, maggiordomo di Corte, colla quale egli accluse una relazione per giustificare la sua condotta al tempo dell’anarchia, e per proteggersi da tutte le calunnie di cui i suoi nemici potevano incolparlo. Non vedendo segno di risposta, e crescendo la paura, rinviò nuovamente la relazione, nel dubbio che la prima si fosse dispersa. 

Ma il Paisiello si illudeva sui sentimenti di Ferdinando e di Carolina: i sovrani — animati dal più crudele spirito di vendetta — non solo volevano la punizione fisica di quanti avevano aderito al regime repubblicano, ma desideravano anche «espellere e mandare in esilio tutti coloro che avevano dato prova o indizi di volere o desiderare forme di politica libertà, e poiché questo sentimento si era introdotto allora negli animi dei migliori napoletani, dei più colti, dei più intelligenti e amanti della patria, far di essi, senz’alcun riguardo e remissione, un generale ‘ripurgo’, secondo la parola che la regina aveva coniato e si piaceva ripetere con insistenza».


La lettera riporta alcune mancanze e difetti dovute alla debolezza della carta che non compromettono l'integrità dell'autografo.  

Autografo di incredibile rarità, tra i più rari della musica italiana.

Codice articolo: GG-AST1222i

Data articolo: 28/08/1799

Pagine: 4

Pagine manoscritte: 3

Condizioni: Sufficienti

Dimensioni: 23.4x19.1

Per partecipare all’asta e piazzare la tua offerta devi essere registrato al sito. La registrazione è gratuita e senza alcun impegno di acquisto. Puoi registrarti qui

L’asta è a tempo; ogni informazione relativa a scadenza, offerte, raggiungimento del prezzo di riserva e stima sono riportate nella scheda di ogni lotto.

Al fine di replicare al meglio la dinamicità di un’asta in presenza e per garantire la massima trasparenza in fase di aggiudicazione, l’offerta più alta ricevuta negli ultimi 60 secondi prorogherà la scadenza dell’asta di un ulteriore minuto. Questa dinamica si ripeterà fino a che le offerte non saranno esaurite. Il lotto sarà quindi battuto al migliore offerente e l’asta chiusa. Riceverai un messaggio di aggiudicazione alla mail che avrai utilizzato per la registrazione.

Per pagamenti, spedizioni ed altre informazioni, ti preghiamo di consultare le apposite sezioni del sito.

Il lotto viene aggiudicato al maggior offerente. Sul prezzo di aggiudicazione verrà aggiunta una percentuale per diritti d’asta proporzionale al prezzo di aggiudicazione come da prospetto sottoelencata. Nel caso di Aste organizzate per beneficenza, la commissione sarà sempre del 15%. L’importo sarà interamente devoluto all’ente designato che sarà indicato di volta in volta nella scheda descrittiva di ciascun lotto in vendita.

Commissioni di vendita

Fino a € 25.000 - 15% sull’hammer price

Da € 25.0001 a 100.000 - 12% sull’hammer price

Oltre € 100.000. - 10% sull’hammer price

Spedizione verso Italia: 7€
Spedizione UE: 15€
Spedizione Extra UE: 25€

La spedizione dei lotti aggiudicati avverrà entro 7 giorni dalla ricezione del pagamento tramite corriere espresso SDA per l’Italia o DHL per l’estero.

Ogni lotto verrà confezionato con estrema cura con imballi rigidi e antiumidità per il materiale cartaceo ed imballi antiurto ed antiumidità per i cimeli sportivi o storici. Per la salvaguardia dell’ambiente, il cartone utilizzato per gli imballaggi è di tipo riciclato. Al momento della spedizione il sistema invierà il codice di tracciabilità alla mail indicata all’atto dell’iscrizione al sito.

I lotti aggiudicati possono essere saldati tramite PayPal, carte di credito o bonifico bancario entro cinque giorni dalla chiusura dell’asta.

Ogni autografo proposto in vendita è corredato di Certificato di Autenticità COA R rilasciato dal’Associazione Autografia - Periti Calligrafi Certificatori. Gli autografi vengono visionati di persona da almeno due Periti dell’Associazione i quali, dopo aver effettuato gli opportuni esami calligrafici, spettrografici e tramite ingranditore digitale, ne sanciscono l’autenticità.
L’Associazione Autografia è l’unico Ente certificatore nel bacino europeo a potersi fregiare del prestigioso marchio UACC (Universal Autographs Collectors Club), il che rende i loro Certificati di Autenticità validi e riconosciuti in tutto il mondo. I Certificati vengono poi registrati nel database dell’Associazione ed accessibili tramite il numero seriale.